Recupero, identità, cultura e territorio

La scelta del nome del Progetto “ RI-torna-Melizzano “ vuole esaltare il concetto di riutilizzo e RI funzionalizzazione del pre-esistente , condannando il ricorso , spesso superfluo , del realizzare ex –novo , con le conseguenze a noi tutti note .
Infatti , l’idea centrale del progetto ruota intorno al modo in cui oggi cambia la vivibilità nei singoli territori, dove con vivibilità si intendono le diverse modalità di emersione dell’equilibrio tra uomo, la sua cultura e le risorse naturali.

RI – torna Melizzano, Recupero, identità, cultura e territorio è un progetto territoriale che, nelle le sue diverse articolazioni, di ri-funzionalizzazione e di ri-uso di un bene culturale aspira a costruire un territorio d’interazione, composto da reti di scambio, comunicazione, servizi, che agiscono in un contesto di grande qualità culturale ambientale e paesaggistica. Gli eventi sono dunque finalizzati alla messa in relazione di diversi sistemi e all’attivazione di nuove sinergie sociali e culturali, locali e internazionali.
Il territorio è dunque un “nodo” dove rielaborare nuovi concetti di urbanità e ruralità critica, e di empowerment delle comunità, grazie a cui sarà possibile la presa di coscienza, da parte della popolazione locale, dei propri limiti ma anche delle risorse, materiali e immateriali, che ha a disposizione e verranno messe a sistema per una riappropriazione progressiva della capacità di decidere del proprio futuro in maniera partecipata, consapevole e responsabile.
Con il progetto RI – torna Melizzano, Recupero, identità, cultura e territorio si intende proporre e promuovere una nuova idea di ruralità, che si fonda sulla valorizzazione e la connessione tra i capitali esistenti - come il paesaggio, il patrimonio culturale ,la tradizione artigianale e le diverse realtà produttive locali, ma che intende  investire – in primis culturalmente e strategicamente - anche sulle debolezze più rilevanti (fare sistema).
Il programma di eventi che questo progetto si propone di fare, rimanda a quella simbiosi uomo-paesaggio che ha caratterizzato da sempre questo territorio e si ipotizza anche l’effetto di operare mutamenti territoriali con l’arte e il design, con l’artigianato e più in generale con la ricerca sulla cultura materiale e immateriale dei luoghi, al fianco della natura – come Il progetto RI – torna Melizzano. Recupero, identità, cultura e territorio è allora un’occasione feconda per  le due istituzioni coinvolte.
Proprio per la configurazione che intende assumere e la governance dei processi che intende innescare – il progetto con le sue attività, si propone di essere una piattaforma che permette il dialogo con i differenti attori sociali, economici e culturali del territorio, per dar vita ad una rete locale, espressione di un “collettivo intelligente” che si confronta in modo trasparente e collabora per la realizzazione di “progetti comuni” in grado di valorizzare tutte le qualità umane, culturali e naturali, che il territorio esprime.
I territori che riescono a creare le condizioni perché le persone si incontrino, si aggreghino, abbiano spazio e risorse per sviluppare questo tipo di sensibilità, crescono e sono sostenibili: diventano piattaforme abilitanti, per l’azione e la re-immaginazione del proprio futuro.
Il territorio di riferimento conserva un paesaggio indomito: strade, case ed i due centri storici si inseriscono tra torrenti, e parchi verdi.
La storia e le tradizioni sono, poi, presenti nell’ architettura del paesaggio: chiese antiche, cappelle affrescate, chiostri, castelli e palazzi antichi.